giovedì 10 maggio 2018

Ultim'ora Di Maio e Salvini: Enormi passi avanti guardate cosa sta succedendo in queste ore!..


Nuovo incontro tra i due leader all'indomani del "passo di lato" dell'ex Cavaliere. Annunciata per oggi pomeriggio la prima riunione dei tecnici dei due schieramenti. Il presidente della Repubblica a Firenze: occorre riscoprire l’Europa "sottraendoci all’egemonia di particolarismi senza futuro", rifiutando "soluzioni tanto seducenti quanto inattuabili".
Annullati tutti gli impegni, comincia la trattativa per arrivare a un programma e nomi condivisi. È iniziato poco dopo le 9 e si è concluso poco prima delle 11 il nuovo faccia a faccia tra il segretario della Lega Matteo Salvini e il capo politico del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio. Dopo il via libera di ieri sera di Silvio Berlusconi, i due si sono incontrati nella sala Siani del palazzo dei gruppi della Camera. “Sta andando tutto bene”, ha detto il leader del Carroccio ai cronisti uscendo dall’incontro e preannunciando un comunicato. Che è arrivato di lì a poco. Nota congiunta, a testimoniare la condivisione di intenti: “Sulla composizione dell’esecutivo e del premier sono stati fatti significativi passi in avanti nell’ottica di una costruttiva collaborazione tra le parti con l’obiettivo di definire tutto in tempi brevi per dare presto una risposta e un governo politico al Paese” hanno fatto sapere i leader di Lega e M5s, che poi hanno annunciato che ci sarà “già oggi pomeriggio la prima riunione con i responsabili tecnici dei diversi settori MoVimento 5 stelle e Lega”. All’incontro di stamattina, inoltre, erano presenti anche Vincenzo Spadafora e Giancarlo Giorgetti (leggi il ritratto). Il faccia a faccia è andato avanti in un “clima positivo per definire il programma e le priorità di governo”. Tutto all’insegna della condivisione e dell’ottimismo, insomma.
Mattarella: “Pensare di farcela da soli è un inganno consapevole”
Convitato di pietra della nuova liaison governativa è il presidente Sergio Mattarella che ieri aveva concesso 24 ore aggiuntive prima di procedere con l’idea di un esecutivo “neutrale” e oggi si trova a Firenze per partecipare alla conferenza “The state of the Union“. Aprendo a Fiesole i lavori dell’ottava edizione della manifestazione, Mattarella ha ricordato che “nel turbamento del mondo, quanto apparirebbe necessario il ruolo di equilibrio svolto da un concerto di 27 Paesi, tanto si mostra ampio il divario tra l’essere e il dover essere di un’ampia comunità che trova la sua dimensione in uno spazio già condiviso. Mai, dunque, come oggi appare urgente unire”. Un messaggio all’Europa, certamente, che guarda anche alla situazione di casa nostra. E al costituendo governo Lega-M5s, due forze politiche che hanno fatto della critica alle istituzioni comunitarie uno dei punto di forza delle proprie narrazioni: occorre riscoprire l’Europa, ha detto il presidente della Repubblica, “sottraendoci all’egemonia di particolarismi senza futuro e di una narrativa sovranista pronta a proporre soluzioni tanto seducenti quanto inattuabili, certa comunque di poterne addossare l’impraticabilità all’Unione”.
“Pensare di farcela da soli è un inganno consapevole“, ha spiegato Mattarella. “Tutti sanno che nessuna delle grandi sfide, alle quali il nostro continente è oggi esposto, può essere affrontata da un qualunque Paese membro dell’Unione Europea preso singolarmente”, ha aggiunto. Parlando dell’euro, inoltre, il presidente della Repubblica ha sottolineato che “abbiamo una moneta capace di costituire un punto di riferimento concreto sul piano internazionale, un ruolo che nessuna moneta nazionalepotrebbe svolgere”. “La gestione della moneta comune cos’è se non l’espressione di una forte solidarietà tra i Paesi dell’Eurozona, esempio concreto per tutti gli altri? ha proseguito – è quella solidarietà a cerchi concentrici che non lascia indietro mai nessuno, bensì tiene la porta aperta, rispettando, insieme, l’ambizione di coloro che vogliono progredire”.
Silenzio di Salvini dopo l’incontro con Di Maio. Un passante: “Facciamo un selfie?” e lui accetta
Governo, bocca cucita per Salvini dopo l’incontro con Di Maio. Un passante: “Facciamo un selfie?”, e lui accetta
di Alberto Sofia
 

Nessun commento:

Posta un commento