mercoledì 16 maggio 2018

Ultima ora: Berlusconi rinviato a giudizio per CORRUZIONE! Condividete e fatelo sapere a tutti!

Avrebbe pagato Mariano Apicella ma non in cambio di una serata musicale. Al contrario il cantante napoletano non avrebbe dovuto “cantare” davanti ai pm che indavano sul caso Ruby. Sarà processato un’altra volta per corruzione Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia è stato rinviato a giudizio dal gup di Roma nell’ambito di uno dei filoni del cosiddetto Ruby ter. Insieme all’ex premier, è stato rinviato a giudizio anche Apicella, accusato di corruzione e falsa testimonianza. Il processo inizierà il prossimo 23 novembre davanti alla II sezione penale.
Il procedimento romano è lo stralcio di una indagine condotta dalla Procura di Milano e poi “spacchettato” il 29 aprile del 2016 dal gup Laura Marchiondelli che ha inviato gli atti, oltre che a Roma, anche a Torino, Pescara, Treviso, Monza e Siena per competenza territoriale.
Proprio oggi nel processo torinese, la procura ha chiesto il rinvio a giudizio di Berlusconi per aver corrotto Roberto Bonasia, ex infermiera di Nichelino poi diventata modella e soubrette, coinvolta a sua volta nello scandalo delle cene a luci rosse di Arcore: è accusata di calunnia, falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziari.
Nel filone romano, invece, i giudici dovranno decidere se davvero Berlusconi ha pagato Apicella per indurlo a rendere falsa testimonianza sempre sul caso delle “olgettine“. In base all’impianto accusatorio la prima dazione di danaro sarebbe avvenuta a Roma. In totale il cantante napoletano, che avrebbe partecipato a feste organizzate ad Arcore, avrebbe percepito illecitamente complessivamente 157 mila euro.

4 commenti:

  1. LA CORRUZIONE

    La parola non era nel rimario,
    poi è comparsa nel vocabolario,
    quando s'è accorto il contadino
    che così campava il cittadino.

    “Per far la vita meno amara
    mi son portato una chitara.”
    Diceva così una vecchia canzone
    quando non c'era la corruzione.

    Oggi più o meno siam corrotti,
    peccatori e santi, mal ridotti,
    non ci basta una “chitara”,
    ci serve tutta la fanfara.

    Archi, ottoni e violini,
    or li suonano anche i burini
    e c'è proprio un tariffario,
    un treno pronto sul binario.

    Ogni cosa diventa un affare
    che uno impara a maneggiare
    in questa terra di ladroni
    piena di servi e di padroni.

    C'è un codice non scritto
    nel rovescio e nel diritto,
    sia davanti che di dietro,
    or lo usa anche San Pietro.

    Lì c'è scritto paro paro :
    “se non ci stai sei un somaro”
    perché va di moda, è naturale,
    se rubano tutti, non è immorale.

    E' questione di percentuale,
    una cosa semplice e banale,
    tanto il peccato è veniale
    che lo fa pure il cardinale.

    Questo è il metodo dell'appalto,
    prima ribassi poi spari alto,
    quando è d'accordo il partito
    il “magna magna” è garantito.

    Dice che la cosa è democratica,
    che è solo questione di pratica.
    Serve per governare il paese
    col vitalizio, ma senza pretese.




    C'è l'intercettazione ambientale,
    cimici dappertutto nello stivale.
    Se capita sta forma di iattura,
    la colpa è della magistratura.

    Tu che fai ? Semplice ! Cordiale,
    vai con la mazzetta nel giornale.
    “Signor giudice, buonissimo giorno”,
    non c'è nessuno vicino e intorno.

    Glielo dici piano piano, sottovoce,
    sembra quasi uno sforzo atroce,
    dietro un cappuccio e un cornetto,
    “scusi se le manco di rispetto”.

    “Prego, tenga, mi manda Tizio,
    si, lo sa, quello del vitalizio
    adesso che ho fatto, lei permette,
    me ne vado, ho certe frette.”

    Così funziona sta cosa triste
    che anche altrove pure esiste,
    ma come noi, che siamo santi,
    non c'è nessuno ch'è più avanti.

    E allora metti giù il pensiero,
    popolo, rassegnati e sii sincero.
    E' vero,non siam tutti furfanti,
    ma con belle donne siam galanti.

    Scriveva uno grande nel pensiero,
    Trilussa, anima dolce, cuor sincero:
    “non è per la morale,è pel codice penale”,
    e ancor oggi non c'è rima più attuale.

    RispondiElimina
  2. Il Link esatto alla fonte:
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/05/16/ruby-ter-berlusconi-rinviato-giudizio-roma-per-corruzione-ha-pagato-apicella-per-indurlo-alla-falsa-testimonianza/4359671/

    RispondiElimina