martedì 22 novembre 2016

ULTIM'ORA CLAMOROSA RENZI E SPACCIATO IL CLAMOROSO RICORSO

Se al referendum costituzionale del 4 dicembre dovesse vincere il Sì grazie al voto decisivo degli italiani all'estero, il fronte del No è pronto a fare ricorso. Una nuova grana per Matteo Renzi, una sfida lanciata dal costituzionalista Alessandro Pace, presidente del Comitato per il No, in una conferenza all'associazione stampa estera. L'annuncio è piovuto poco prima della manifestazione nazionale dei contrari alla riforma prevista per il 27 novembre a Roma: "Se il voto dei cittadini italiani all'estero dovesse rivelarsi determinante per la vittoria del Sì, allora impugneremo questa consultazione davanti all'ufficio centrale del referendum, che è un organo giurisdizionale, e si andrebbe davanti alla Corte Costituzionale".
Nervosismo alle stelle, dunque, nel fronte del No, che si è già distinto nelle ultime ore per il ricorso all'Agcom contro i termine "accozzaglia", usato da Renzi per indicare il fronte eterogeneo che si oppone alla riforma. Dunque, Pace, spiega le ragioni dell'iniziativa: "Il voto è personale, libero e segreto - continua Pace -. Il modo con cui si vota all'estero non garantisce la segretezza, visto che la scheda arriva con una busta e l'esperienza ha già dimostrato che questa può essere manipolata". E conclude: "Il ricorso deciso collegialmente è una nostra ulteriore risorsa". Insomma, il fronte del "No" si aggrappa anche alle presunte manipolazioni del voto estero: roba che, ad oggi, non si era mai sentita.
Fonte :
http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/12024490/referendum-ricorso-fronte-del-no-voto-italiani-estero-matteo-renzi.html

Nessun commento:

Posta un commento