martedì 2 agosto 2016

CLAMOROSO ARRESTATO L'EX AD DI VENETO BANCA GUARDATE COSA HA APPENA FATTO VERGOGNA

Sequestrate decine di milioni di euro nei confronti di persone legate all'istituto. Numerosi gli indagati nell'operazione della Guardia di Finanza che riguarda il biennio 2013-2015 e fa seguito a un'ispezione di Banca d'Italia che aveva chiesto il cambio di governance di Montebelluna

MILANO - La Guardia di Finanza ha arrestato l'ex amministratore delegato di Veneto Banca, Vincenzo Consoli, e ha sequestrato in via preventiva decine di milioni di euro nei confronti di persone legate alla stessa banca. Al banchiere, ora ai domiciliari, sono stati sequestrati 1,8 milioni di euro. I provvedimenti, eseguiti da un centinaio di finanzieri che hanno compiuto anche svariate perquisizioni, sono stati emessi dalla procura di Roma. I reati contestati sono aggiotaggio ed ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza. Il periodo al centro dell'indagine riguarda il biennio il 2013/2014.

"Ho appreso la notizia dell'arresto dell'ex amministratore delegato di Veneto Banca, Vincenzo Consoli, e sono meravigliato per la tempistica". E' la reazione di Giovanni Schiavon, vice presidente dell'istituto di Montebelluna (Treviso) e fondatore dell'Associazione degli azionisti di Veneto Banca, nonché ex presidente del Tribunale di Treviso. "Arrestare una persona in via preventiva è sempre grave - aggiunge Schiavon - ma farlo dopo un anno, quando evidentemente non c'è più pericolo di fuga, di inquinamento delle prove o di reiterazione del reato, è qualcosa che non capisco". Per Schiavon, inoltre, il secondo aspetto macroscopico è che "mentre per Veneto Banca procede la Procura della Repubblica di Roma e scattano gli arresti, per la Banca Popolare di Vicenza la competenza è rimasta a Vicenza e, nonostante la maggiore gravità del quadro di quella banca, verso gli ex amministratori non succede nulla del genere".
"Giovanni Zonin, ex presidente, si è disfatto nel frattempo di tutti i suoi beni - conclude - e questo di per sè mi pare una coda di paglia non indifferente".

La banca, passata sotto il controllo del fondo Atlante dopo il flop dell'ultimo aumento di capitale, era stato oggetto di perquisizioni oltre un anno fa: pur non essendo quotata, rientrava tra le banche - con azioni diffuse tra il pubblico in misura rilevante - che avrebbero dovuto adeguarsi al decreto cosiddetto'investment compact del gennaio 2015 che riguardava il progetto di trasformazione in Spa delle banche popolari. Secondo il grave quadro indiziario emerso dall'indagine dellaProcura di Roma e della Guardia di Finanza, le condotte degli ex vertici di Veneto Banca, con prestiti baciati e parcheggi di titoli, hanno determinato "l'annacquamento" del patrimonio di vigilanza della banca, che, secondo le regole della Banca d'Italia, avrebbe dovuto essere rettificato in modo da evidenziare il suo valore reale, indicando il vero ammontare dei prestiti ancora effettivamente riscuotibili. Invece, nelle segnalazioni periodiche a Bankitalia - si legge in una nota della Gdf - Veneto Banca ha continuato ad indicare un valore del patrimonio di vigilanza sovrastimato rispetto a quello effettivo, mascherandone la reale consistenza.

Le operazioni "baciate" sui titoli e i parcheggi di bond, inoltre, sono state accompagnate dalla concessione di finanziamenti a soggetti in difficoltà economiche, in stato di decozione o comunque non in grado di restituire le somme ricevute, senza un'adeguata verifica della capacità di rimborso da parte dei richiedenti, all'insegna di un diffuso e sostanziale disinteresse del merito creditizio.
In sostanza l'effetto era di offrire, all'esterno, l'immagine di una solidità patrimoniale dell'istituto ben maggiore di quella effettiva, idonea ad ingannare la platea dei risparmiatori e gli altri azionisti, rafforzando così - secondo la ricostruzione, in modo fraudolento - l'immagine della banca e la fiducia nel management.

Quindi, secondo gli elementi acquisiti, mediante queste operazioni, i vertici di Veneto Banca potevano falsamente rappresentare agli organi di vigilanza una consistenza patrimoniale superiore al reale, così da rientrare nei parametri di sicurezza che la legge esige per gli istituti bancari. Infine, la creazione di questa situazione di patrimonio "virtuale" avrebbe consentito di fissare il sovrapprezzo delle azioni su valori assai elevati rispetto allo stato dell'azienda.

Sullo sfondo dell'inchiesta Veneto Banca ci sono due ispezioni condotte da Banca d'Italia nel 2013 che aveva deciso di approfondire la neutralità di alcuni atti dell'istituto e dopo aveva richiesto il cambio della governance. Per i Pm, quindi, si configurerebbe il reato di ostacolo alla vigilanza dovuto al fitto scambio di corrispondenza e di aggiotaggio. A sostegno delle ipotesi c'è un documento della Consob dal quale emerge che nei corsi azionari delle Popolari ci sono stati degli andamenti "anomali" registrati prima del 16 gennaio 2015, data in cui il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha dato consistenza ai rumors che già circolavano su una possibile riforma del settore.
FONTE : https://www.google.it/amp/www.repubblica.it/economia/2016/08/02/news/arrestato_vincenzo_consoli_l_ex_ad_di_veneto_banca-145225730/amp/?client=ms-android-samsung

Nessun commento:

Posta un commento